By / 13th Aprile, 2015 / Notizie / Off

Cesare Pavese nacque il 9 settembre 1908 a Santo Stefano Belbo, un paesino delle Langhe in provincia di Cuneo, nel cascinale di San Sebastiano dove la famiglia soleva trascorrere l’estate. Il padre, Eugenio, era cancelliere al Palazzo di Giustizia di Torino, e qui risiedeva con la moglie, Fiorentina Consolina Mesturini, figlia di abbienti commercianti originari di Ticineto (provincia di Alessandria), e la primogenita Maria, nata nel 1902, in un appartamento in via XX Settembre 79.

Malgrado l’agiatezza, l’infanzia di Pavese non fu felice: una sorella e due fratelli, nati prima di lui, erano morti prematuramente. La madre, di salute fragile, dovette affidarlo appena nato a una balia del vicino paese di Montecucco, e poi, quando lo portò con sé a Torino, a un’altra balia, Vittoria Scaglione.

Il padre morì di un cancro al cervello il 2 gennaio 1914; Cesare aveva cinque anni. Come è stato scritto, «c’erano già tutti i motivi – familiari e affettivi – per far crescere precocemente il piccolo Cesare […] per una preistoria umana e letteraria che avrebbe accompagnato e segnato la vita dello scrittore». La madre, di carattere autoritario, dovette allevare da sola i due figli: la sua educazione rigorosa contribuì ad accentuare il carattere già introverso e instabile di Cesare.

Fonte: wikipedia

bedandbreakfast_lalunaeifalo_torino1

Via Lamarmora, 35